Puo’ essere famiglia affidataria qualunque persona che, singolarmente o in coppia, sposata o convivente, con o senza figli, senza limiti di età, ad una valutazione tecnica psico- sociale risulti:

  • in grado di accudire, educare e mantenere un minore;
  • capace di affrontare vicende emotive connesse ad esperienze di separazione;
  • priva di motivazioni esclusivamente affiliative nei confronti di un minore in affido;
  • flessibile ai cambiamenti ed in grado di tollerare dolore e frustrazioni anche di notevole entità;
  • disponibile a collaborare con le istituzioni;
  • solidale nei confronti di persone provenienti da contesti sociali, culturali ed etnici diversi.

Le coppie e i single che desiderano avvicinarsi alla realtà dell’affido e dell’accoglienza in generale, seguiranno il seguente percorso:

  1. Primo contatto con la Presidente e la Coordinatrice
  2. Partecipazione al corso formazione base (per sapere quando sarà attivo il prossimo corso, visualizza la pagina del servizio disponibile nella sezione del Centro Amaltea).
  3. Percorso di valutazione presso il Centro Amaltea o il Centro Affidi ASL di Brescia.
  4. Partecipazione ad un incontro grossomodo mensile in un gruppo/associazione di famiglie affidatarie.

La famiglia affidataria…

… apre la sua casa ad un minore e lo accoglie con la sua storia.
… compie un importante lavoro educativo ed affettivo.
… è una valida collaboratrice dei Servizi Sociali e del Tribunale dei Minori.

La famiglia affidataria è una famiglia accanto ad un’altra, e non al posto dell’altra!